PDA

Visualizza versione completa : Sanpei the fisher boy


miakaxyz
03-01-2012, 16:08
SANPEI THE FISHER BOY
a.k.a. Fishing Crazy Sanpei
Titolo originale: Tsurikichi Sanpei, lett. Il pescatore entusiasta Sanpei


http://digilander.libero.it/DonCignoman/Sanpei/SapeiTitle.jpg




Tratto dal manga di Takao Yaguchi, sceneggiatura di Ryota Kosawa
Anno: 2009
Durata: 118'
Nazione: Giappone
Regia di Yojiro Takita


http://digilander.libero.it/DonCignoman/Sanpei/SanpeiPOSTER1.jpg http://digilander.libero.it/DonCignoman/Sanpei/SanpeiPOSTER2.jpg

Cast artistico: Kenta Suga, Takashi Tsukamoto, Yu Kashii, Tsunehiko Watse, Cynthia Cheston, Masato Hagiwara, Yukijiro Hotaru, Ryuji Katagiri, Takayasu Komiya, Ryota Nakanishi, Togo Shimura, Tao Tsuchiya, Ken’ichiro Yasui

Sul web: http://san-pei.channel.yahoo.co.jp/


Trama:
Sanpei Mihira, un ragazzino vitale e ingegnoso, vive con il nonno Ippei, valente artigiano produttore di canne da pesca di bambù, in un paesino rurale della regione Tohoku. Il passatempo favorito di Sanpei è la pesca, una passione che coltivava anche suo padre, scomparso in mare sei anni prima. La sorella di Sanpei, Aiko, vive invece a Tokyo, dove si è laureata e dove recentemente ha trovato un impiego: ha deciso di tornare al paese natìo per prendere in custodia il fratellino e dargli un'educazione più pragmatica nella grande metropoli, lontano da quello sciocco passatempo che, a suo avviso, ha rovinato la loro famiglia. L'incontro dei due con il campione di pesca sportiva Gyoshin Ayukawa e l'inizio di una spedizione alla ricerca di un leggendario salmerino di proporzioni inusitate, re di una valle-paradiso perduto, sarà l'occasione per ricucire antiche ferite, elaborare i lutti che anni prima avevano colpito la famiglia, allontanando i due fratelli. Il tutto sulle tracce del padre scomparso, con nelle orecchie ancora l'eco di una sorta di profezia: per catturare quel salmerino gigante infatti un sistema c'è, disse lui prima di morire, un metodo speciale e segreto.

SUB ITA e RAW:
sub: asianworld http://www.asianworld.it/forum/index.php?showtopic=13471

raw AXiNE 2cd / 1,56

Il manga:
La serie di "Tsurikichi Sanpei" venne pubblicata per la prima volta in una testata di manga per ragazzi dell'editore Kōdansha a partire dal 1974. L'autore della serie è il mangaka Takao Yaguchi, il quale si basò in parte sui suoi stessi ricordi di gioventù per dare vita a quel mondo rurale nel quale il giovane Sanpei si muove, spinto da un insaziabile curiosità per la pesca, ma anche per le meraviglie della natura e financo per i tratti etnografici di quel Giappone fatto di tradizioni locali e folklore che ormai, a metà degli anni '70, stava già lasciando il posto alla civiltà massificata del consumismo individualista. Takao Yaguchi era nato e cresciuto a Masuda, nella prefettura di Akita, dove iniziò a pescare sin dall'età di 5 anni. http://digilander.libero.it/DonCignoman/Sanpei/Tsurikichi.3.jpg
Una delle chiavi dello strepitoso successo del manga va ricercato nella rilassante quotidianità rurale dell'ambientazione: esattamente come l'autore era immigrato a Tokyo a trent'anni per iniziare la sua carriera di mangaka, ma rimpiangeva l'età dell'oro della sua infanzia tra le montagne, allo stesso modo molti dei suoi lettori avevano condiviso quella medesima esperienza di distacco dal villaggio natale. In questo senso "Tsurikichi Sanpei" non è solo banalmente un manga sulla pesca, è la rappresentazione idealizzata di quel mondo perduto a misura d'uomo, rurale, dai ritmi lenti, rimpianto da chi, sin dall'alba del boom economico giapponese, aveva dovuto spostarsi nelle grandi città. Questo medesimo tema si riflette in parte, se vogliamo, anche nel live action realizzato da Yojiro Takita, nella figura della sorella di Sanpei. Un altro aspetti da sottolineare del manga di Sanpei è l'attenzione per l'ecologia (pionieristica, se gaurdiamo le date in cui fu scritto), accompagnata da un rispetto oserei dire di chiara origine confuciana per la scienza: le storie di Sanpei abbondano non solo di personaggi pittoreschi, uomini dei boschi, artigiani ecc, ma anche di scienziati e in particolare di ittiologi. Da un lato, quindi, un rimpianto per l'era pre-industriale, ma dall'altro una fiducia nel progresso scientifico.

marco
05-01-2012, 19:25
Bello sampei :-X , faceva parte di quei manga post bellici che in pieno boom economico, valorizzava i valori del antico Giappone non disdegnando un occhio al progresso.
Sicuramente è da leggere con attenzione .. ma oggi direi che è per appassionati:-X