Discussione: Tsukasa Hojo
Visualizza messaggio singolo
  #1  
Vecchio 23-12-2009, 18:54
L'avatar di miakaxyz
miakaxyz miakaxyz non è connesso
Administrator
 
Data registrazione: Mar 2006
Località: Sardegna
Messaggi: 29,788
Drama Master FushigiYuugi Games Winner FushigiYuugi Games Winner 
Predefinito Tsukasa Hojo

E’ tempo di omaggi anche per Tsukasa Hojo, che festeggia nel 2010 i suoi primi 30 anni di carriera nel campo dei manga, dalla sua prima opera da professionista pubblicata nel 1980 su Shonen Jump di Shueisha: Io sono un uomo! (Orewa Otokoda!).
Il one shot è contenuto nel volume Hojo World 1 edito in Italia da Star Comics.

Per rendere omaggio all'eccellente autore di Occhi di gatto e City Hunter, per citare le sue due opere più famose, sei colleghi reinterpretano stilisticamente alcuni dei suoi personaggi più famosi, e lo fanno sottoforma di pin-up pubblicate sul numero ora in vendita di Comic Bunch 4-5, settimanale che ospita anche la sua serie più recente, Angel Heart.

Tra i nomi che lo tributano spiccano quello di Takehiko Inoue, ex allievo del mangaka ora affermatissimo big del panorama fumettistico nipponico, autore di serie quali Slam Dunk, Vagabond, Real, e l'amico e socio in Coamix, Tetsuo Hara, il cui Ken il guerriero: Le origini del mito (Soten no Ken) affianca tuttora Angel Heart sulla stessa rivista.

Nell'ordine abbiamo:
1. Takehiko Inoue (Slam Dunk, Vagabond, Real)
2. Haruto Umezawa (Ex assistente di Hojo, autore di Boy, Countach)
3. Masashi Asaki (Psychometrer Eiji, Shibatora)
4. Masaharu Noritsuke (Afro Tanaka)
5. Mayu Shinjo (Strofe d'amore, Virgin Crisis)
6. Tetsuo Hara (Hokuto no Ken, Keiji, Soten no Ken)




A fondo pagina vi mostriamo le illustrazioni omaggio, ma prima proponiamo un estratto dal dossier su Tsukasa Hojo firmato da Massimiliano De Giovanni e pubblicato su Kappa Magazine 47:

Quando la madre lo costringeva a studiare, il piccolo Tsukasa Hojo si armava di matite colorate per dare libero sfogo alla fantasia. Nonostante questo, però, il suo hobby preferito non erano i fumetti, e non avrebbe mai immaginato di diventare un 'mangaka' apprezzato ai quattro angoli del globo. Preferiva di gran lunga i cartoni animati, che sostituì - una volta adolescente - con il cinema e la narrativa. Da sempre appassionato di fantascenza, Tsukasa Hojo si avvicinò al mondo del fumetto solo in terza media - sotto pressione di un compagno di classe -, ma la scarsa pazienza di cui era dotato lo allontanò presto dalla meta.
La sua prima squadratura di un foglio da disegno risale ai tempi delle superiori, quando lavorò a un fumetto amatoriale - che non vide mai la luce - assieme ad alcuni amici. Attraverso questa esperienza corale rinasceva nel ragazzo l'interesse per i cartoni animati e i manga, che seguiva unicamente attraverso le raccolte in volumetti : questo lo tenne lontano per anni dai concorsi per giovani autori (pubblicizzati unicamente su rivista) dandogli però modo di affinare la tecnica. Una volta all'università, Hojo ricevette da uno studente anziano la proposta di collaborare a una fanzine e iniziò diverse storie rimaste tutte incompiute. Il primo lavoro professionale, con cui si classificò secondo al Premio Tezuka, gli aprì le porte della casa editrice Shueisha, con cui ancora oggi lavora attivamente. Ideata e disegnata durante una vacanza estiva (dopo gli impegni di un lavoro part-time), Space Angel è un avventura di 31 pagine che l'autore elaborò senza neppure avvalersi di una sceneggiatura nè di uno storyboard.
La storia con cui Tsukasa Hojo approdò su "Shonen Jump", nell'aprile del 1980, è però una commedia scolastica intitolata Orewa Otokoda! Rapsodia anacronistica, come lui stesso ama definirla, l'episodio è interamente incentrato sull'imposizione della propria personalità sul gruppo da parte dell'impacciato Yamato. Leader di un gruppetto di studenti ribelli, il ragazzo dovrà vedersela con alcune intraprendenti ragazze. Ideologicamente figlie del Women's Lib. Sacrificata da un impaginazione serrata (una media di otto vignette per pagina) e minata da un inchiostrazione irregolare, la storia si avvale comunque del segno pulito e moderno di Hojo, già desideroso di mostrare al grande pubblico il proprio gusto estetico.
L'autore tentò poi il sodalizio artistico con Kazehiko Tokai, ma il primo lavoro - concepito nell'estate del 1980 - venne scartato dall'editore. Il secondo tentativo del duo andò a miglior fine : un avventura poliziesca intitolata Third Deka che proietterà Tsukasa Hojo nel genere a lui più congeniale. Il 1981 segna finalmente la nascita di Cat's Eye
”...

Fonte:animeclick

__________________
Rispondi citando