Dragon Manga & Fushigiyuugi Forum  

Torna indietro   Dragon Manga & Fushigi Yuugi Forum > Argomenti Principali > Autori

Avvisi

Autori Parliamo dei mangaka che ci appassionano.

Rispondi
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione Modalità visualizzazione
  #1  
Vecchio 14-06-2008, 21:38
L'avatar di miakaxyz
miakaxyz miakaxyz non è connesso
Administrator
 
Data registrazione: Mar 2006
Località: Sardegna
Messaggi: 29,637
Drama Master FushigiYuugi Games Winner FushigiYuugi Games Winner 
Predefinito Gli autori e le case editrici giapponesi

La recente disputa legale tra il mangaka Raiku Makoto, autore di Zatch Bell! (e allievo del più famoso Kazuhiro Fujita, creatore di Ushio e Tora), e il suo ex editore ha sollevato grandi polemiche sulle condizioni lavorative a cui la Shogakukan, casa che ha prodotto famose opere come Detective Conan, Inuyasha, Saikano o Patlabor, sottoporrebbe i suoi autori.
Un'altra autrice è intervenuta sulla faccenda, pubblicando sul proprio blog parole durissime. Si tratta di Mayu Shinjo, nota in Italia per Strofe d’amore e Virgin Crisis pubblicati da Star Comics, che lo scorso anno ha deciso di abbandonare per sempre Shogakukan, per la quale lavorava dal 1994.

L'autrice lamenta condizioni al limite della schiavitù, umiliazioni verbali e minacce esplicite da parte del suo editor, sorta di tutor che le case editrici nipponiche assegnano ai propri autori col compito di consigliarli nel modo più produttivo e portare al successo le loro serie.
La Shinjo riferisce di essere stata praticamente costretta a realizzare, in prossimità di incombenti scadenze, anche 120 tavole in una settimana, dormendo solo 3 ore per notte, in una situazione di stress psico-fisico allucinante. Ricorda anche che agli inizi della sua carriera il suo editor di allora la insultava e la mortificava, chiamandola “verme” e lei doveva lavorare tra le lacrime. Di recente, quando finalmente ha avuto il coraggio di opporsi alla situazione, sarebbe stata minacciata di far ritirare dal mercato il suo intero catalogo produttivo. Sarebbero in molti ad evitare di prendere posizione e ribellarsi temendo possibili rappresaglie professionali. Non solo alla Shogakukan.

La realtà che sembra emergere da tali rivelazioni è molto cupa, simile a quella che riguarda direttamente i colleghi animatori, una categoria che fino a poco tempo fa, prima della costituzione della JAniCA, il sindacato nato per tutelare gli interessi dei creatori di animazione, era lasciata in balia di se stessa.
Se è vero che la professione di mangaka, in Giappone, può essere anche una delle occupazioni più reddittizie, e un autore di fumetti di successo può arrivare a guadagnare anche 500,000 $ annui, la realtà più diffusa non è certo delle migliori. Guarda caso, proprio un altro autore di Shonen Sunday lamentava di recente di avere il conto bancario in rosso.

Wakaki Tamiki, disegnatore di Sekesshou albatross, pubblicato sulla rivista per un anno, ha scritto sul suo blog di avere meno di 10,000 yen (circa 100$) in banca e di non essere in grado di pagare neppure le bollette. Tamiki accusa l'editore di non aver adeguato per anni il compenso per ogni tavola, malgrado la pattuizione di un aumento; lo stipendio da lui percepito, infatti, sarebbe molto inferiore a quello dei suoi colleghi che lavorano per altri magazine.
Aggiunge poi che raramente gli autori di manga riescono a vivere degnamente con quanto che ricevono per la serializzazione su rivista e possono ottenere somme consistenti solo dalle vendite dei tankobon (i volumetti da collezione).

Ma non tutti gli autori di Shogakukan la pensano allo stesso modo: dopo le polemiche sollevate da Raiku Makoto, qualche voce si è schierata in difesa dell'editore e dei suoi redattori. Hashiguchi Takashi, autore di Yakitate!! Japan, pubblicato sulla stessa rivista per ben sei anni, scrive sul proprio blog che gli editor descritti da Raiku come “persone orribili” non sono assolutamente come il collega avvelenato le racconta nella sua azione legale, ma sono professionisti che prendono seriamente il proprio lavoro nel campo dei manga. E aggiunge che se questi volessero denunciarlo per diffamazione sarebbe pronto a testimoniare in loro favore.

Nonostante ciò, il blog e la casella di posta di Raiku sono stati invasi da commenti di solidarietà dei suoi lettori, che già organizzano un boicottaggio nei confronti del magazine. L'autore, però, frena gli intenti dei suoi fan, preoccupato per il finale di Inuyasha, che sarà pubblicato su Shonen Sunday la prossima settimana: “non voglio che sia rovinato per colpa mia”.

Fonti:
MangaForever
Anime News Network
Canned Dogs.
http://animeclick.lycos.it/notizia.php?id=19307



Dire che sono sconvolta è poco
__________________
Rispondi citando
  #2  
Vecchio 14-06-2008, 21:58
L'avatar di Chiaretta
Chiaretta Chiaretta non è connesso
Super Moderator
 
Data registrazione: Apr 2006
Messaggi: 7,356
Angeli del Forum 
Predefinito Riferimento: Gli autori e le case editrici giapponesi

Sono davvero allibita.
Mi chiedo a questo punto se la Takahashi abbia disegnato fiumi e fiumi di pagine assolutamente inutili -specie nel caso di Inuyasha- per poter arrivare a fine mese dignitosamente...
Rispondi citando
  #3  
Vecchio 19-06-2008, 22:17
L'avatar di marco
marco marco non è connesso
Administrator
 
Data registrazione: Mar 2006
Località: living in Sardinia
Messaggi: 22,268
Jappofan Gēmu Otaku 
Predefinito Riferimento: Gli autori e le case editrici giapponesi

..sicuramente inizialmente vengono sfruttati.. in giappone molti sono capaci di disegnare e secondo la teoria che tutti siamo sostituibili.. si può immaginare quanto valga un autore non famoso..
__________________
Time Waits for no one
No
Buta Power Chuunyuu
By G8 standards, Italy is a strange country. Put simply, it is a nation of octogenarian lawmakers elected by 70-year-old pensioners. Everyone else is inconsequential. tratto dal TIMES
MEGLIO AGITARSI NEL DUBBIO CHE RIPOSARE NELL'ERRORE
Per uno come me che non ha niente, l'unica cosa che potevo buttare via per te, era me stesso(Take Care of the Young Lady)
Powa Power
Rispondi citando
  #4  
Vecchio 16-05-2009, 19:21
L'avatar di Cora
Cora Cora non è connesso
Angelo
 
Data registrazione: Apr 2009
Messaggi: 56
Predefinito Riferimento: Gli autori e le case editrici giapponesi

Mi ricordano gli scrittori russi pagati a numero di pagine, con quei romanzi mooolto spessi.
Koge Dombo ad esempio ho letto che lavora anche come impiegata.
Rispondi citando
  #5  
Vecchio 18-05-2009, 12:44
L'avatar di Sessha91
Sessha91 Sessha91 non è connesso
Suzaku Fan
 
Data registrazione: Feb 2009
Località: Roma
Messaggi: 326
FushigiYuugi Games Winner 
Predefinito Riferimento: Gli autori e le case editrici giapponesi

oh my god...
... sono senza parole

Mi chiedo a questo punto se la Takahashi abbia disegnato fiumi e fiumi di pagine assolutamente inutili -specie nel caso di Inuyasha- per poter arrivare a fine mese dignitosamente...
potrebbe anche essere
a questo punto tutto è possibile...
__________________
Rispondi citando
  #6  
Vecchio 26-05-2009, 19:41
L'avatar di marco
marco marco non è connesso
Administrator
 
Data registrazione: Mar 2006
Località: living in Sardinia
Messaggi: 22,268
Jappofan Gēmu Otaku 
Predefinito Riferimento: Gli autori e le case editrici giapponesi

Naa lei non ha più bisogno di lavorare.. ormai lo fa per puro piacere
__________________
Time Waits for no one
No
Buta Power Chuunyuu
By G8 standards, Italy is a strange country. Put simply, it is a nation of octogenarian lawmakers elected by 70-year-old pensioners. Everyone else is inconsequential. tratto dal TIMES
MEGLIO AGITARSI NEL DUBBIO CHE RIPOSARE NELL'ERRORE
Per uno come me che non ha niente, l'unica cosa che potevo buttare via per te, era me stesso(Take Care of the Young Lady)
Powa Power
Rispondi citando
Rispondi

Segnalibri

Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata
Modalità visualizzazione

Regole messaggi
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi replicare
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Le pubblicità giapponesi miakaxyz Curiosità dal Giappone 35 12-12-2017 14:54
Nuove case editrici, vi fidate? marco Sondaggi 6 15-03-2012 20:41
Acne adolescenziale? Per le ragazze giapponesi è kawaii finalvjn Curiosità dal Giappone 9 23-09-2010 09:44
Zombie Maid Cafè: gli otaku preferiscono le non-morte? Mangaka88 Curiosità dal Giappone 4 08-07-2010 10:00
Le vostre case editrici preferite.. marco Sondaggi 4 31-01-2010 21:32


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 20:13.