Dragon Manga & Fushigiyuugi Forum  

Torna indietro   Dragon Manga & Fushigi Yuugi Forum > Argomenti Principali > Manga & Anime > TV & Lungometraggi

Avvisi

TV & Lungometraggi Film, Live Action e tanto altro!

Rispondi
 
Strumenti discussione Cerca in questa discussione Modalità visualizzazione
  #1  
Vecchio 15-06-2009, 21:55
L'avatar di Mangaka88
Mangaka88 Mangaka88 non è connesso
Konan's Angels
 
Data registrazione: Nov 2007
Località: Ireland
Messaggi: 3,332
Hentai Master Best Reporter 
Predefinito Summer Wars di Mamoru Hosoda

Ecco il nuovo full trailer di Summer Wars di Mamoru Hosoda, in uscita nei cinema giapponesi il 1° agosto 2009 distribuito da Warner Bros:

http://www.nipponcinema.com/trailers...-wars-trailer/


Le vacanze si stanno avvicinando per Kenji Koise, un giovane liceale che ama la matematica e l'informatica. Il timido ragazzo abbandonerà la sua routine quotidiana per immergersi completamente nel mondo virtuale di OZ e allacciare rapporti con altri giocatori, relazioni che sembrano impossibili nel suo liceo. Ma la sua vacanza virtuale è presto interrotta da un messaggio del suo senpai, Natsuki Shinohara, che lo invita ad accompagnarlo a Nagano dove l'attende una grande riunione di famiglia in occasione del compleanno di sua nonna (anzi bis-bis-bis nonna).
In questa occasione Kenji dovrà partecipare a una guerra per lo meno insolita... un'estate di avventure e di nuovi amici lo attende!

La qualità delle opere Madhouse è ben nota e i risultati de La ragazza che saltava nel tempo hanno garantito fama imperitura a Hosoda, che sarà affiancato da un cast di grande livello: sceneggiatura è di Satoko Okudera (La ragazza che saltava nel tempo, Miyori no mori Special), il character design di Yoshiyuki Sadamoto (Neon Genesis Evangelion, Gunbuster 2, La ragazza che saltava nel tempo), direzione dell’animazione di Hiroyuki Aoyma (La ragazza che saltava nel tempo, Piano no mori) e Tatsuzou Nishida (Fullmetal Alchemist: The Movie, Eureka Seven, La ragazza che saltava nel tempo), supervisione artistica di Youji Takeshige (Patlabor, My Neighbor Totoro, On Your Mark, La principessa Mononoke, La città incantata, Ponyo), e musiche di Matsumoto Akihiko (One Outs, Black Jack TV).
__________________
Non temere di venire ferito. Vivi senza mai perdere il tuo sorriso

Ultima modifica di miakaxyz : 16-06-2009 alle ore 11:46.
Rispondi citando
  #2  
Vecchio 16-06-2009, 11:45
L'avatar di miakaxyz
miakaxyz miakaxyz non è connesso
Administrator
 
Data registrazione: Mar 2006
Località: Sardegna
Messaggi: 30,688
Drama Master FushigiYuugi Games Winner FushigiYuugi Games Winner 
Predefinito Riferimento: Summer Wars di Mamoru Hosoda

sembra interessante dal trailer!
__________________
Rispondi citando
  #3  
Vecchio 17-06-2009, 15:28
L'avatar di miakaxyz
miakaxyz miakaxyz non è connesso
Administrator
 
Data registrazione: Mar 2006
Località: Sardegna
Messaggi: 30,688
Drama Master FushigiYuugi Games Winner FushigiYuugi Games Winner 
Predefinito Riferimento: Summer Wars di Mamoru Hosoda

ecco il trailer da youtube:
__________________
Rispondi citando
  #4  
Vecchio 17-06-2009, 20:06
L'avatar di marco
marco marco non è connesso
Administrator
 
Data registrazione: Mar 2006
Località: living in Sardinia
Messaggi: 22,283
Jappofan Gēmu Otaku 
Predefinito Riferimento: Summer Wars di Mamoru Hosoda

SEmbra veramente bello.. come stile ricorda " la ragazza che viaggiava nel tempo" non vi pare?
__________________
Time Waits for no one
No
Buta Power Chuunyuu
By G8 standards, Italy is a strange country. Put simply, it is a nation of octogenarian lawmakers elected by 70-year-old pensioners. Everyone else is inconsequential. tratto dal TIMES
MEGLIO AGITARSI NEL DUBBIO CHE RIPOSARE NELL'ERRORE
Per uno come me che non ha niente, l'unica cosa che potevo buttare via per te, era me stesso(Take Care of the Young Lady)
Powa Power
Rispondi citando
  #5  
Vecchio 18-06-2009, 18:45
L'avatar di Chiaretta
Chiaretta Chiaretta non è connesso
Super Moderator
 
Data registrazione: Apr 2006
Messaggi: 7,550
Angeli del Forum 
Predefinito Riferimento: Summer Wars di Mamoru Hosoda

Fino a metà non riuscivo a capire come si infilassero le battaglie virtuali!
Non sembra niente male davvero!
Rispondi citando
  #6  
Vecchio 15-05-2010, 22:55
L'avatar di Mangaka88
Mangaka88 Mangaka88 non è connesso
Konan's Angels
 
Data registrazione: Nov 2007
Località: Ireland
Messaggi: 3,332
Hentai Master Best Reporter 
Predefinito Riferimento: Summer Wars di Mamoru Hosoda

Qualche tempo fa, dopo l’uscita di The Dark Knight, Federico Gironi (ComingSoon), nella sua recensione del secondo, monumentale film di Christopher Nolan su Batman, esordì con questi tre termini: «Bigger. Better. Darker». Be’, si potrebbero applicare anche al Summer Wars di Mamoru Hosoda, il quale ingigantisce, migliora e per certi versi incupisce molto di ciò che si era visto nel suo precedente La ragazza che saltava nel tempo. Non c’è quindi da stupirsi se il secondo lungometraggio realizzato da Hosoda con la Madhouse ha sbancato il Tokyo International Anime Fair 2010 vincendo sette premi, tra cui i più prestigiosi: Miglior prodotto originale, Miglior film giapponese e Anime dell’anno.

Summer Wars
non ricalca né gli schemi né i temi del film che l’ha preceduto, ma ne mantiene l’estetica e lo stile per raccontare qualcosa di molto diverso e di molto, molto più articolato, ampio e spettacolare.

Già dai primi minuti dell’opera, fatti circolare in rete nei mesi che hanno anticipato l’uscita nelle sale, ci si può rendere infatti conto di quale sia la portata, quanto meno visiva, del lungometraggio. Tuttavia, andando sempre più avanti ci si accorge di quale sia la voglia del film di meravigliare non solo con la sua ricchezza d’immagini, ma anche con quella contenutistica. Difatti se La ragazza che saltava nel tempo è un’opera più intima e concentrata nel suo nocciolo costituito soprattutto dalla protagonista, e poi dai suoi due compagni, Summer Wars sembra invece compiacersi della propria abbondanza, fatta di una quantità esorbitante di personaggi, spesso presenti contemporaneamente in scena, di uno spettro non indifferente di tematiche e di un numero ancora maggiore di elementi e dettagli visuali.

Quello che però rimane inalterato è la freschezza della storia estiva, per certi versi classica, che funge da pista di decollo per le azioni del lungometraggio. Così il più consueto dei “fraintendimenti” dà il la alla reazione a catena che coinvolge i due mondi dell'anime, quello reale e quello virtuale, poiché dall’invito a fingere di essere il suo ragazzo, rivolto dalla desideratissima, estroversa e frizzante Natsuki all’impacciato genio della matematica Kenji, tutto il globo verrà stravolto. Però il tono di Summer Wars non diviene mai drammatico, e l’enfasi data dalla sua arsi è sempre connotata da più di una spruzzata di demenzialità che, essendo una costante in tutto il film, in ogni caso non stempera la tensione. Tensione che anzi raggiunge ottime vette grazie al ritmo ben calibrato dell’opera, la quale si prende una buona fetta della sua parte iniziale per presentare la numerosissima famiglia di Natsuki, i Jinnouchi, cui Kenji verrà introdotto nelle vesti di futuro marito, e poi sale di giri e inizia a incalzare con sviluppi e colpi di scena a raffica, seppure questi a volte paiono un po’ eccessivi o forzati. Sì, perché il numero di “coincidenze” e di casualità che tornano utili è eccessivo, o almeno la ripetizione di tali artifici narrativi alla lunga mina in piccola parte – cioè solo se ci si presta attenzione – la “credibilità” della trama.

Invece ciò che non pecca di credibilità, e anzi rappresenta uno dei punti di più grande forza di Summer Wars, è il cast di personaggi, i quali sono tutti studiati in modo diversificato e attento. Ognuno di loro ha un proprio carattere e dei propri tratti distintivi, e a ciò si somma la carica vitale di ciascuno. Perché ogni membro della pazza famiglia di Natsuki è ben lontano dall’essere una semplice sagoma di contorno e ha invece un ruolo, e soprattutto una presenza, peculiare nell’economia del lungometraggio. Ovviamente ci saranno membri che spiccheranno più di altri, tuttavia in generale nessuna figura sembra superflua e tutte hanno, invece, qualcosa da dire e una parte da recitare. In particolare risaltano per il loro carisma la “matriarca” della famiglia Jinnouchi, nonna Sakae, e il giovane e all’apparenza cupo Kazuma, i quali spesso rubano la scena non solo a tutti gli altri, ma persino al protagonista Kenji, anche se Summer Wars rimane in ogni caso un’opera corale.

Risulta naturale pensare che ciò non sarebbe stato possibile senza il character design di Yoshiyuki Sadamoto. L’espressività e la brillantezza dei suoi disegni e il tocco vivificante che lui riesce a conferirvi restano una singolarità – o una delle poche – nel panorama dell’animazione nipponica. È stupefacente inoltre accorgersi come Sadamoto sia un artista capace sempre di rinnovare il suo stile figurativo senza mai perdere nulla. A titolo d’esempio, basta confrontare la morbidezza e l’eccentricità dei suoi personaggi del periodo FLCL/Diebuster (2000/2004) con l’ “esile essenzialità” di quelli del suo attuale periodo per vedere come in entrambi i casi la sua figurazione funzioni magnificamente.

Anche se c’è da dire che è tutto il comparto tecnico di Summer Wars che funziona splendidamente.
Tanto per cominciare le animazioni, seppure lontane dalla “perfezione”, o comunque dalle vette quasi inavvicinabili di alcuni capolavori (Innocence di Oshii, tanto per dirne uno), sono a ogni modo più che godibili e, se in alcuni frangenti perdono qualcosa in fluidità, mantengono sempre la naturalezza e l’agilità dei movimenti. Nello specifico la loro dinamicità a tratti rasenta la frenesia, e uno dei meriti più grandi dei direttori dell’animazione è stato proprio il non fare degenerare tutto nella confusione, organizzando invece ogni sequenza nel modo migliore al fine di ottenere velocità d’azione – quando occorre – senza sfociare mai nel caos disarticolato.
Poi, per quanto riguarda i colori, i cromatismi del lungometraggio, luminosi e purissimi, riescono a ricreare la limpidezza tipica delle giornate estive. Pure in questo caso, come ne La ragazza che saltava nel tempo, le colorazioni dei personaggi sono prive di variazioni chiaroscurali, mentre tutti gli altri elementi, fra cui spiccano le consuete torri nuvolose (cumuli), presentano uno studio volumetrico attento. Il gioco di contrasti che ne deriva dà quindi lo stesso particolare effetto già apprezzato nel precedente film di Hosoda e, non essendo più una novità, inizia ad apparire come uno dei tratti distintivi delle opere del regista.

Come scenari, le due dimensioni spaziali nella quali si può suddividere il film sono realizzate con la stessa perizia. Se infatti il “mondo reale”, sia negli interni sia negli esterni, è un rigoglio di dettagli e un vertice di pulizia grafica, in quanto i fondali e gli ambienti sono stati studiati e curati fino al più piccolo particolare, il “mondo virtuale” di Oz è un vero e proprio delirio poligonale. Difatti, in virtù dell’uso più che massiccio della CG (Ryo Horibe), e soprattutto grazie alla complicità dell’art design di Anri Kamijo, Oz è un carnevale di colori e un’esplosione di forme, e il bello è che appunto la CG non stona per nulla e anzi conferisce un tocco unico all’atmosfera del cyberspazio, molto atipico, così configurato. E proprio il rapporto che si crea fra le due dimensioni è uno dei temi di maggiore interesse dell’opera, poiché viene a riproporre in maniera “fantastica” delle circostanze speculari alla nostra quotidianità, dove la rete e il mondo fisico sono sempre più interdipendenti. Allo stesso modo, in Summer Wars, Oz non è una semplice evasione dal mondo reale, ma ne è una parte, e ciò che vi accade all’interno si ripercuote sulla realtà stessa, con dei risvolti, a dispetto delle apparenze briose ed edulcorate del cyberspazio, tetri e preoccupanti che stimolano alla riflessione critica.

Al dualismo reale-virtuale si affianca pure quello fra contemporaneità e passato, perché la sottolineatura delle differenze tra ciò che è stato e ciò che è, non soltanto in riferimento alla società attuale, ma anche in relazione alla stessa storia dei Jinnouchi, ricorre con frequenza. Durante il film l’attenzione è quindi focalizzata spesso sul rapporto tra le diverse generazioni e sul loro contatto e avvicendarsi, con il peso che può avere la condizione di eredi – ricordandoci che siamo sempre tutti eredi. Grande merito però va sia a Hosoda sia a Satoko Okudera (sceneggiatura) perché, scevri da facili giudizi o moralismi a favore di una parte o dell’altra, hanno evitato cadute retoriche e invece sono riusciti semplicemente a mettere in scena le diverse vedute, senza fronzoli di nessun tipo a rovinare l’immediatezza comunicativa.

Immediatezza che è una delle parole chiave del lungometraggio e in generale della stilistica di Hosoda, soprattutto a livello narrativo. E anche se qui di certo si perde quella sobrietà scherzosa ma delicata e toccante de La ragazza che saltava nel tempo, in Summer Wars la narrazione è comunque spumeggiante, e unita a quanto ho già illustrato – e ne hai avuta pazienza se sei ancora qua a leggere – ricrea uno spettacolo dal quale è difficile non farsi avvincere. Certo, l’opera non è un capolavoro, perché da una parte ha dovuto, o voluto, cedere a diversi compromessi mainstream, e dall’altra cade in alcune scenette francamente irritanti per la loro stupidità, tipo alcune parti del finale. Poi il comparto sonoro non è esaltate, o quanto meno è funzionale alle immagini e alle sequenze, ma non dispone di quell’ “impatto” posseduto invece da parecchie delle altre componenti del film. Inoltre, se proprio bisogna essere cattivi, e quando si analizza qualcosa bisogna esserlo, la strutturazione dell’intreccio e in generale il plot sono abbastanza lineari e scontati, così come la loro evoluzione, che procede lungo tappe troppo prevedibili.
Tuttavia, tutto ciò non mina in alcun modo la godibilità del film, e il circo visivo e concettuale imbastito da Summer Wars occulta senza problemi i suoi difetti e incanta
__________________
Non temere di venire ferito. Vivi senza mai perdere il tuo sorriso
Rispondi citando
  #7  
Vecchio 09-06-2010, 20:01
L'avatar di Luthy
Luthy Luthy non è connesso
Super Moderator
 
Data registrazione: Apr 2006
Località: Marche
Messaggi: 6,359
Angeli del Forum Yaoi Master Best Reporter 
Predefinito Riferimento: Summer Wars di Mamoru Hosoda

L'ho visto!
Non è niente male, anche se non del tutto esaltante!
Sono diventata una fan di King Kazuma e del ragazzino di cui è l'avatar
Rispondi citando
  #8  
Vecchio 10-06-2010, 17:55
L'avatar di miakaxyz
miakaxyz miakaxyz non è connesso
Administrator
 
Data registrazione: Mar 2006
Località: Sardegna
Messaggi: 30,688
Drama Master FushigiYuugi Games Winner FushigiYuugi Games Winner 
Predefinito Riferimento: Summer Wars di Mamoru Hosoda

trovato sub ita! appena lo vedo vi faccio sapere!
__________________
Rispondi citando
Rispondi

Segnalibri

I tag
anime, mamoru hosoda, manga, summers wars

Strumenti discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata
Modalità visualizzazione

Regole messaggi
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi replicare
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al forum

Discussioni simili
Discussione Autore discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
I cieli di Escaflowne camyx86 Manga & Anime 103 26-03-2019 15:29
Tomie di Junji Ito Mangaka88 Manga & Anime 3 23-08-2012 15:26
Kit-Kat al gusto di... miakaxyz Curiosità dal Giappone 4 18-01-2010 20:52
Masque of the Black Death di Akira Kurosawa in animazione Mangaka88 TV & Lungometraggi 2 23-09-2008 12:30
H20 di Hwang Sook Ji Mangaka88 Manhwa e Manhua 2 27-04-2008 10:09


Tutti gli orari sono GMT +2. Adesso sono le 17:45.